Nel lontano 1968, Airolo è stato il primo Comune ticinese a dotarsi di un impianto di depurazione. La struttura è stata a più riprese modificata e migliorata, così da adattarla alle mutate esigenze normative e legislative.
Nell’ultimo decennio, le condizioni di esercizio dell’impianto hanno subìto forti cambiamenti, in buona parte dovuti all’avvento di grossi caseifici, come pure all’evoluzione delle abitudini degli utenti privati, portando l’impianto a trattare mediamente 25 l/s pari a 6000 abitanti equivalenti.

Dopo essere stati confrontati a rilevanti problemi nella gestione della vasca biologica ed in particolare con il trattamento del carico organico in entrata, nel 2012, con l’assistenza di un consulente specializzato e quella dei funzionari cantonali, sono stati definiti e realizzati importanti interventi che permettono tuttora una gestione funzionale e all’avanguardia.

Nell’imminente futuro, l’attuale impianto verrà verosimilmente messo fuori servizio, per lasciare spazio alla rivalorizzazione del fondo valle airolese. A tale proposito da due anni si sta valutando la realizzazione di un nuovo IDA nei pressi dell’area di servizio dello Stalvedro.


Contatti

Albo

Sportello Online

Mappa

Segnala evento

Meteo
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Cookie policy OK