Home
 Emergenza Ucraina - Informazioni utili - Alloggi e accoglienza
Data articolo:
16.03.2022

Emergenza Ucraina - Informazioni utili - Alloggi e accoglienza


Condividi:
Emergenza Ucraina - Informazioni utili - Alloggi e accoglienza

Le autorità seguono da vicino l’evoluzione della situazione in Ucraina e sono in contatto con le autorità federali competenti.

Tutte le informazioni aggiornate che riguardano le ripercussioni e le azioni in Ticino inerenti al conflitto sono visualizzabili nella pagina www.ti.ch/ucraina

Sono state inoltre create due helpline per rispondere alle domande dei cittadini svizzeri.

Accoglienza a domicilio
Un privato può accogliere al proprio domicilio cittadini ucraini a titolo volontario e gratuito (senza richiesta d’indennità al Cantone). Il sostentamento, compresa l’assistenza medica della persona accolta, sono a carico del privato fin tanto che la persona non ottiene lo statuto di protezione S. Affinché le procedure amministrative e i servizi a disposizione a supporto dei profughi possano essere attivati, si invitano tutte le persone in provenienza dall’Ucraina presenti in Ticino a chiedere lo statuto di protezione S.

Offerta di alloggi
Qualora si volesse annunciare la disponibilità di una sistemazione abitativa per le persone attribuite al Cantone, chiediamo gentilmente di prendere contatto con la Cancelleria comunale allo 091 873 81 20 (tasto n. 3) oppure comune@airolo.ch .

Le segnalazioni devono includere l'informazione relativa all'indirizzo, al nominativo della persona di contatto, al suo numero di telefono, al tipo di struttura (appartamento di vacanza, pensione, casa parrocchiale, colonia di vacanza, ...) e alla durata della soluzione proposta. Gli alloggi, come richiesto dal Cantone, dovrebbero essere disponibili per almeno tre mesi. 

Piano cantonale di accoglienza
Presentazione del piano cantonale di accoglienza del 14.03.2022
Presentazione del piano cantonale di accoglienza del 31.03.2022

Assicurazione malattia
Per le persone che intendono risiedere in Svizzera per meno di 90 giorni non sussiste un obbligo di assicurazione. Per tutelare pienamente la persona toccata, è comunque suggerita una pronta affiliazione presso un assicuratore malattie a partire dal giorno di arrivo in Svizzera. Per le persone che fanno richiesta dello statuto S e si annunciano al Punto di accoglienza di Cadenazzo, si provvederà con l’affiliazione alla cassa malati da parte del Cantone.

Domande frequenti link




Download



Contatti

Albo

Sportello Online

Mappa

Segnala evento

Meteo
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.
Cookie policy OK